INTORNO A NOI

Fin dall’epoca più antica la città, svolse un ruolo egemone sul territorio limitrofo, grazie alla sua posizione topografica a quota 493 s.l.m, a dominio del Tevere. Fu controllata dalle città di Assisi, Spello e Spoleto. Perugia, uno dei più importanti centri dell’Etruria interna, era strettamente collegata con il lago Trasimeno. La cinta muraria (III secolo a.C.) fu monumentalizzata con la realizzazione delle due porte principali. L’impianto urbanistico etrusco-romano, s’imposta sull’incrocio di due assi viari, di cui la via principale consisteva nel cuore antico della città. Nel centro storico si trovano: l’Arco etrusco; Porta Marzia (III sec.) porta monumentale etrusca; la Rocca Paolina, ciò che resta dell’antica fortezza fatta costruire da papa Paolo III nel 1540; la Fontana Maggiore con bassorilievi di Nicola e Giovanni Pisano; il pozzo Sorbello (III sec.); la Chiesa del Gesù (XVI sec.); la Basilica di S.Domenico (XIII sec.); l’ Oratorio di San Bernardino (XVI sec.); la Chiesa di San Francesco al Prato (XIII sec.); il Palazzo dei Priori ( XIII-XV sec.), che ospita il Municipio e la Galleria Nazionale dell’Umbria; nella Sala dell’Udienza del Cambio, le pareti sono ricoperte dai maggiori capolavori pittorici del Perugino. La Galleria Nazionale dell’Umbria, ospita memorabili testimonianze artistiche dal XIII al XVIII secolo; da non perdere le opere di Piero Della Francesca, Beato Angelico, Benozzo Gozzoli, Pinturicchio, Perugino.

 

MANIFESTAZIONI:

Luglio: Umbria Jazz: nata nel 1973 resta una delle più importanti manifestazioni jazzistiche del mondo.

Agosto: Fiera internazionale delle figure animate.

Settembre: Sagra musicale umbra: Prestigioso festival di musica sacra.

Ottobre: Eurochocolate: grande chermesse dedicata agli amanti del cioccolato; evento unico che vede come protagoniste le più prestigiose realtà dolciarie italiane esistenti.

 

Secondo una leggenda araldica, fu fondata da Coragino, nobile troiano compagno di Ulisse, che la definì “Il luogo più bello del mondo”. Questo colle ricco di acque e di verde, fu sottomesso a Perugia e limitato a funzioni strategiche. Circondato (tutt’ora) da mura robuste, con castelli e torri medievali disposti ad anfiteatro intorno a Monte Malbe, divenne nel XV secolo, fiorente centro di attività agricole e artigianali; fu visitato da papa Giulio II e da Nicolò Machiavelli. Tesori da vedere sono: La Chiesa di San Francesco edificata in età gotica, il Palazzo Comunale, antica residenza dei duchi della Corgna, dal 1887 sede dell’Amministrazione Comunale, il Palazzo del Capitano del Popolo, il Palazzo dei Priori e della Mercanzia, il Puteale del XVI secolo, dove è scolpita l’arme del Comune di Corciano, la Chiesa di Santa Maria Assunta, edificata nel XIII secolo, La Torre comunale dove nel 1474 fu collocato un orologio pubblico, tutt’ora vanto della comunità, la Chiesa e il Convento di Sant’Agostino della prima metà del 300’.

Manifestazioni

Aprile-maggio: Primavera dell’artigianato: gli artigiani umbri presentano le loro produzioni nelle caratteristiche “botteghe” allestite nel centro storico.

Agosto: Corciano Festival: nato nel 1965, spazia dalle arti visive alla musica, dal teatro alle rievocazioni storiche.

Ottobre: Corciano dolce borgo: all’insegna del cioccolato, due golose giornate.

Dicembre: Corciano Presepe: allestimento presepe con statue grandi per le vie del paese.

Dicembre-gennaio: Le vie dei Sapori di Qualità: esposizione e degustazione di prodotti enogastronomici umbri.

 

Il 15 maggio di ogni anno vi si svolge la Festa dei Ceri in onore del patrono della città, sant'Ubaldo. Tre pesanti macchine di legno vengono portate a spalla in una sorta di staffetta senza vincitori. L'ordine dei tre ceri (Sant'Ubaldo patrono di Gubbio, San Giorgio e Sant'Antonio) è sempre lo stesso.

L'ultima domenica di maggio di ogni anno vi si svolge il Palio della Balestra, evento folcloristico in onore del patrono della città, sant'Ubaldo.

Dal 7 dicembre al 10 gennaio, sulle pendici del monte Ingino, viene disegnato con lampioni colorati il famoso Albero di Natale più grande del mondo.

Nel giorno di Venerdì Santo vi si celebra la Processione del Cristo Morto, accompagnata dal canto del Miserere.

Nel mese di settembre viene organizzato il pellegrinaggio "Sentiero di Francesco", 40 km da coprire in tre giorni per ripercorrere il percorso fatto da San Francesco d'Assisi nell'inverno tra il 1206 e il 1207.

 

ALTRI LINK CONSIGLIATI

 

LAGO TRASIMENO

CITTA' DELLA PIEVE

CORTONA

SPELLO

SPOLETO

TODI

ORVIETO

SIENA

CASTIGLIONE DEL LAGO

 

A circa 30 km da Perugia, si trova questo meraviglioso centro religioso, artistico, culturale e storico di importanza mondiale. E’ la città di San Francesco, patrono d’Italia e simbolo universalmente riconosciuto della pace nel mondo. Arroccata alle pendici del Monte Subasio, la città si offre subito alla sua immensa ricchezza e al suo fascino. Degne di nota sono le due Basiliche, inferiore e superiore (XIII sec.) Quella inferiore, cripta monumentale destinata ai pellegrini e alla venerazione delle reliquie di San Francesco, è in stile romanico lombardo, la Basilica Superiore destinata alle riunioni ufficiali, è in grado di ospitare sul trono a Lui riservato, anche il Papa. Le due Basiliche sono collegate da una scala sul transetto di sinistra. La Basilica Superiore è affrescata coi cicli pittorici di Cimabue e di Giotto, danneggiati dal terremoto del 1997 e mirabilmente restaurati.

La Basilica di Santa Chiara, terminata nel 1260; Duomo di San Ruffino; il Parco del Monte Subasio, ricco di memorie francescane; la Piazza del Comune, piazza “laica” di Assisi.

 

MANIFESTAZIONI:

 

Maggio: Il Calendimaggio di Assisi, che saluta l’arrivo della primavera tra rappresentazioni teatrali, danze e sfide.

Settembre: Marcia della Pace Perugia/Assisi.

Ottobre: Celebrazioni nazionali in onore di San Francesco.

 

 

Città di antichissima origine a soli 15 Km (a sud) di Perugia, conserva testimonianze del periodo romano. Il suo nome significa “rovinata”, “distrutta”. Nel medioevo, fu sottomessa a Perugia, poi stremata da continue pestilenze che fecero diminuire la popolazione drasticamente anche la cinta muraria fu ridotta. Fra quattro e cinquecento subì devastazioni e saccheggi. In occasione della “guerra del sale” del 1540, si alleò con lo Stato Pontificio che le garantì un periodo di pace; proprio in questo frangente, si sviluppò maggiormente la sua produzione di ceramiche artistiche. La sottomissione allo stato Pontificio durò fino al 1860, poi dopo un periodo sotto il dominio francese, fu inclusa nella Repubblica Romana, fra il 1809 e il 1814 fece parte dell’impero Napoleonico.

Da visitare sono: Palazzo comunale, trecentesco, dove si trova la pinacoteca che custodisce anche dipinti di Pietro Vannucci (il Perugino); Il Museo Regionale della Ceramica, che ospita bellissimi esemplari di maioliche locali; Chiesa di S. Antonio Abate con affreschi di G. Bartolomeo e Bartolomeo Caporali.

 

MANIFESTAZIONI:

Maggio: Mostra mercato dell’antiquariato, con esposizione di maioliche antiche anche nel centro storico.

 

Contatti

Via Vasco De Gama 82

fraz. Capocavallo CORCIANO (PG)

Tel. 075/6059345 – Cell. 3498672464

Fax 075/6059345

E-mail: isassigrossi@libero.it

Follow Us

© All Rights Reserved

Cookie Policy